CHE COSA SONO E COME FUNZIONANO LE CELLULE STAMINALI? #TELOSPIEGO!

Il nostro corpo è costituito da miliardi di cellule.
Si stima che un maschio adulto di circa 70 kg sia composto da circa 100 mila miliardi di cellule e ognuna di esse si è sviluppata ed è cresciuta per svolgere compiti specifici, che vanno dal costruire i vari tessuti di cui siamo composti – come la pelle, gli organi interni, i muscoli o il sistema nervoso – allo svolgere mansioni ancora più specifiche – come nel caso dei globuli bianchi e delle cellule immunitarie, che ci difendono dalle invasioni di virus e batteri.

Ma tutte queste cellule altamente specializzate derivano da un unico tipo di cellula originario: la CELLULA STAMINALE.

Una CELLULA STAMINALE è una cellula indifferenziata che non ha ancora acquisito una funzione specifica all’interno dell’organismo e che ha la speciale capacità di replicare se stessa o di tramutarsi negli oltre 200 tipi di cellule presenti nel corpo umano.

Esistono diversi tipi di cellule staminali che si differenziano in base alla loro versatilità, cioè la loro capacità di trasformarsi nelle varie cellule del corpo umano:

  • Le staminali più versatili sono le cellule STAMINALI EMBRIONALI, che si possono trovare solamente all’interno degli embrioni umani, a uno stadio detto BLASTOCISTI, che va dal 4° al 14° giorno dalla fecondazione.
    Le staminali embrionali possono trasformarsi in qualunque tipo di cellula del corpo umano e per questo motivo sono dette cellule STAMINALI PLURIPOTENTI.
  • Le STAMINALI ADULTE invece sono presenti in piccole quantità in tutto il nostro corpo e l’organismo le usa per rimpiazzare quotidianamente le cellule dei propri tessuti.
    Sono dette cellule STAMINALI MULTIPOTENTI perché possono trasformarsi esclusivamente nelle cellule dei tessuti nei quali si trovano, per esempio le staminali del sangue possono trasformarsi esclusivamente in cellule del sangue, come globuli rossi, globuli bianchi e piastrine.
  • Infine ci sono le cosiddette cellule STAMINALI PLURIPOTENTI INDOTTE ossia cellule staminali adulte che vengono riprogrammate in laboratorio per
    funzionare come cellule staminali embrionali e acquisire così la capacità di trasformarsi in qualunque tipo di cellula del corpo umano.
    Questo tipo di staminali viene usato regolarmente e con successo nelle terapie di medicina rigenerativa per la ricostruzione della cornea o nel trapianto di pelle, mentre studi in corso promettono di raggiungere risultati clamorosi come la ricrescita dei denti .
Le cellule staminali si trasformano negli altri tipi di cellule specializzate del corpo umano

Tutte le cellule altamente specializzate del nostro corpo derivano da un’unica cellula originaria: la cellula staminale

CONTROVERSIE ETICHE

Se da un lato questo è un campo della scienza molto promettente, dall’altro è anche ricco di dubbi etici e controversie.
I principali dubbi di carattere etico legati alle staminali sono due.

Il primo è relativo all’utilizzo delle cellule staminali embrionali.
In alcuni Paesi infatti l’utilizzo di un embrione fecondato a fini medici e scientifici è proibito o fortemente limitato, come avviene per la fecondazione in vitro o l’aborto.

Il secondo problema etico è legato invece ai trattamenti sperimentali basati sulle cellule staminali, che promettono molto ma senza che a queste promesse corrisponda una solida evidenza scientifica.
Nel mondo infatti esistono molti medici e scienziati poco seri che, facendo leva sulla disperazione dei pazienti o operando in cliniche private spesso in Paesi dove le regolamentazioni sono blande o del tutto assenti, vendono cure miracolose che non sono state approvate dalla comunità scientifica e medica internazionale.
Questi trattamenti spesso non hanno alle spalle sperimentazioni sufficienti a garantirne l’efficacia e dare la certezza che non possano causare danni a lungo termine.

Non fidarsi di terapie sperimentali con cellule staminali non riconosciute dalla comunità medica internazionale, controversie etiche delle staminali

Attenzione alle promesse di cure miracolose tramite terapie sperimentali con le staminali non riconosciute dalla comunità scientifica internazionale

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE (CSE)

Un esempio di terapia con le staminali efficace e diffuso è quello che usa le cellule staminali emopoietiche (CSE) per la cura delle malattie del sangue.
Le CSE sono cellule staminali multipotenti contenute nel midollo osseo, ossia il tessuto molle che si trova nell’interno cavo di tutte le ossa del corpo umano (da
NON confondere però con il midollo spinale).

Il nostro corpo utilizza le CSE per generare quotidianamente milioni di cellule del sangue come globuli rossi, globuli bianchi e piastrine.
Quando le staminali del sangue si ammalano però possono causare malattie molto gravi, come la leucemia, in cui il midollo osseo inizia a produrre in maniera incontrollata cellule del sangue difettose.
Questa malattia viene curata tramite un’azione aggressiva che, attraverso l’uso della chemioterapia, va a distruggere il più grande numero possibile di cellule
malate, colpendo però anche le cellule sane e lasciando l’organismo del malato indebolito e con un numero di cellule del sangue insufficiente per la sopravvivenza.

Ed è proprio qui che entrano in gioco le cellule staminali!
In questo caso infatti, per curare il paziente, si ricorre al trapianto di staminali del sangue, che consiste nell’inserire le CSE di un donatore sano all’interno del midollo osseo del malato fornendo in questo modo al suo organismo i mattoni di base per ricominciare a produrre globuli bianchi, globuli rossi e piastrine sani.

grazie al trapianto di cellule staminali la fabbrica del sangue può tornare a funzionare correttamente

Il trapianto di cellule staminali emopoietiche può aiutare “la fabbrica del sangue” (il midollo osseo) indebolita dalla chemioterapia a produrre il giusto numero di cellule sane

Autore: SACHA DOMINIS

 

Per approfondire l’argomento (e sostenerci facendolo) consigliamo:

staminali dai cloni alla medicina rigenerativa libro saggio monti battifoglia redi

Staminali. Dai cloni alla medicina rigenerativa

di Manuela Monti, Enrica Battifoglia, Carlo Alberto Redi

stem cells gian paolo bagnara book libro bonsi alviano

Stem Cells

di Gian Paolo Bagnara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.